Composizione, come si costruisce la struttura armonica di un brano (parte 5)

In questa lezione finalmente ci occuperemo di un aspetto estremamente importante:

come costruire l’armonia di un brano con gli accordi costruiti sulla scala minore armonica.

Infatti uno dei principali difetti che sviluppano le persone quando iniziano a mettere in pratica i concetti dell’armonia, è quella di concentrarsi principalmente sulle tonalità maggiori, trascurando le  innumerevoli possibilità che offre il mondo della scala minore armonica.

In questa lezione imparerai a muoverti con grande padronanza all’interno di questo mondo.

Infatti tra le varie cose, parleremo di:

  • Come usare l’armonia funzionale nella scala minore armonica
  • Costruire sequenze di accordi ottenendo equilibrio e varietà
  • Quali sono i rivolti che conviene usare più frequentemente nel caso della scala minore armonica
  • Come ottenere risultati musicali molto interessanti attraverso piccole ripetizioni di frammenti armonici
  • Etc.

... per continuare questa video lezione

L'accesso a questa lezione è riservata agli iscritti al Gruppo Studenti Premium.

Sei già registrato? Fai il login.

Non sei uno studente premium?

Registrati oggi stesso, o fai l'upgrade se sei già un utente free, per accedere a questa e a tutte le altre lezioni del gruppo premium.

Registrati Upgrade Premium

Accedi gratuitamente

Con il profilo free hai accesso immediato a 15 lezioni complete (36 video) di pianoforte, teoria, armonia, solfeggio e composizione.

Registrazione Free Info
Categorie

About the Author:

2 Comments

  1. davidesalvi

    buongiorno non ho capito una cosa…….nelle prime lezioni…perche l’accordo ad esempio di do in primo rivolto quindi col basso di mi viene chiamato accordo di sesta ? faccio confusione con l’accordo di sesta normale ad esempio do mi sol la…non so se mi sono spiegato bene

  2. Dentro la musica

    Buongiorno. In realtà la confusione nasce dalla notazione della musica leggera in cui l’accordo do-mi-sol-la viene chiamato do6. In realtà non si tratta di un vero e proprio accordo di sesta ma di un accordo con la SESTA AGGIUNTA: infatti la sesta viene aggiunta alla triade in stato fondamentale. L’accordo invece in primo rivolto viene chiamato di sesta perchè l’intervallo di sesta è l’intervallo caratteristico tra il basso e le altre note dell’accordo: basso: MI, note accordo : DO MI SOL. Intervalli tra il basso e le altre note dell’accordo: MI – DO sesta, MI – MI ottava, MI – SOL terza. In realtà dovremmo chiamarlo accordo di TERZA SESTA OTTAVA, ma per comodità lo chiamiami solo ACCORDO DI SESTA. Per ulteriori dettagli Le consiglio di guardare la seguente lezione: https://www.dentrolamusica.com/armonia-e-accordi/i-rivolti-degli-accordi-ecco-il-segreto-per-avere-maggior-varieta-nellarmonia/

X

Hai dimenticato la Password?

Registrati