1 di 5

Corso di Armonia e Teoria

Intervalli musicali, come chiamarli correttamente (Parte prima)

Ti è mai capitato di leggere o sentire dei termini come “quinta diminuita”, “settima minore”, “quarta eccedente” e così via?

Tutti questi nomi, apparentemente oscuri, indicano diversi tipi di intervalli musicali.

Oggi ci occupiamo del modo in cui i vari intervalli vengono chiamati, per essere distinti gli uni dagli altri. E lo facciamo attraverso un percorso chiaro e logico che in breve ti permetterà di imparare a chiamare gli intervalli con il nome corretto.

Essere in grado di definire un intervallo è infatti fondamentale, perché ti permette di determinare la relazione che vi è tra due o più note (in questo caso relativa all’altezza).

E la musica in fondo è proprio l’arte che permette di mettere in relazione i suoni.

Vedrai, una volta che questi concetti ti saranno chiari, potrai metterli in pratica in moltissimi campi.

Tra le altre cose sarai in grado di:

  • iniziare ad approfondire il vastissimo mondo dell’armonia
  • capire come si costruiscono gli accordi, di ogni tipo e complessità
  • migliorare le melodie che componi, grazie ad un utilizzo più consapevole degli intervalli musicali

Iniziamo allora a parlare più approfonditamente dell’intervallo musicale.