Scale maggiori, ecco come ricordarsi tutte le note in qualsiasi momento

Non è semplice ricordarsi in ogni momento tutte le scale musicali del sistema tonale a memoria.

A volte, soprattutto per le scale di tonalità lontane a DO, capita di non ricordarsi se una nota ha un diesis o un bemolle o se è naturale.

Esiste però un sistema molto semplice che permette di ricordarsi in ogni momento tutte le note di tutte le scale.

Oggi ci occupiamo delle scale maggiori.

Questo sistema è basato sul concetto di intervallo musicale, di tono e di semitono.

Nei prossimi video cercherò di spiegarti molto semplicemente al pianoforte questi concetti che ti permetteranno di:

  • Trovare in qualsiasi momento tutte le note di tutte le scale maggiori (in seguito vedremo anche quelle minori) senza dover ricorrere a manuali o tabelle.
  • Iniziare ad entrare nel mondo dell’armonia e degli accordi, che come vedremo sono basati sul concetto di intervallo musicale.
  • Capire sempre più a fondo aspetti importanti della teoria e della pratica musicale.


... per continuare questa video lezione

Registrati con il profilo free e accedi gratuitamente a questa lezione.

Con il profilo free, inoltre, hai accesso immediato a 15 lezioni complete (36 video) di pianoforte, teoria, armonia, solfeggio e composizione.

Sei già registrato? Fai il login.

Registrazione Free Info
Categorie

About the Author:

31 Comments

  1. Dentro la musica

    Grazie ancora! Vedrai che man mano che andremo avanti, tutto sarà ancora più interessante! Se hai dei dubbi, non farti problemi e chiedimi chiarimenti!

  2. master-chief93

    concordo con tutti gli altri sei davvero molto chiaro nelle spiegazioni…grazie mille!

  3. amedeo

    posso fare una domanda stupida?
    ma esiste la scala di sol# maggiore…provando a costruirla mi trovo la seguente: sol#,la#,si#,do#,re#,mi#,fa##,sol#
    cioè una doppia alterazione sulla sensibile…??non so se sto dicendo eresie…
    da un lato mi sembra plausibile anche perchè ho notato che a partire dalla scala di do magg il 5° grado(dominante) di ogni scala dà origine ad una scala con un # in più….

    aspetto con ansia una tua risposta…
    grazie

  4. Dentro la musica

    Ciao! La tua domanda non è assolutamente stupida, anzi. Hai toccato un tasto molto importante: la scala di sol# maggiore non esiste perchè altrimenti come alterazione permanente (cioè “scritta in chiave”) avresti un doppio #. Le doppie alterazioni naturalmente sono possibili ma possono essere soltanto alterazioni temporanee (cioè non “scritte in chiave”).
    Invece esiste la scala enarmonica a sol#maggiore che è lab maggiore, composta dalle seguenti note: lab, sib, do, reb, mib, fa, sol; in questo caso come puoi ben notare non abbiamo alcuna doppia alterazione.
    Vedrai che man mano che seguirai le successive lezioni soprattutto quelle relative alle alterazioni, all’enarmonia e al circolo delle quinte, tutto ti diventerà sempre più chiaro. A presto!

  5. ago

    Complimenti davvero ! Ho studiato il pianoforte da giovane e adesso che sono un po’ vecchietto mi diverto a
    strimpellare. La semplicità con la quale Lei esprime concetti complessi esprime a fondo la Sua conoscenza della materia. Ho riappreso in pochi istanti tutto quello che a suo tempo ha richiesto settimane di sforzi e studio in quanto spiegate in modo prolisso e difficilmente comprensibile ad un profano. Avanti cosi !!!!
    Cordiali saluti

  6. augusto gherardi

    Bravissimo Francesco. Anch’io sono un principiante di 65 anni e questi sono concetti per niente facili.
    Le tue lezioni mi aiutano tantissimo e le seguirò assiduamente.
    Grazie.

  7. maurovalentini

    A dir poco eccezionale davvero chiarissimo vedrò tutti i tuoi video e poi proverò a fare un corso a parte proprio in composizione e orchestrazione per avere una conoscenza completa
    Grazie ancora

  8. costel

    davvero bravissimo, ti ringrazio molto.sei formidabile quello che cercavo da tanto tempo sono un straniero ma ti capisco benne .GRAZIE.

  9. rita.canone

    Sono un docente e non posso che complimentarmi per la chiarezza e la passione delle tue lezioni. grazie

  10. rita.canone

    Ciao, ma a proposito della costruzione delle scale di cui hai trattato perché sono scale Maggiori?

  11. Il nome maggiori si usa per distinguerle dalle scale minori costruite sulle stesse note di quelle maggiori, come vedrai nelle prossime lezioni. Ad esempio se prendi come nota di partenza il do, puoi avere la scale di do maggiore o quella di do minore.

  12. polanna

    Grazie Francesco! Conoscevo il fascino della musica, ma non il piacere di imparare “i suoi segreti”

  13. Janosecondino

    Io seguo mentalmente il circolo delle quinte per vedere i # che vi sono in ogni scala e delle quarte per i ” b “.
    La Ringrazio di tutto Maestro.

    Janosecondino

  14. russo.elilaura@gmail.com

    Chiarissima spiegazione dei toni e semitoni. In 6 mesi di lezione non li avevo capiti.

  15. Antonia Anantii

    Finalmente qualcuno che non solo ha una grande passione per la sua professione e materia, ma che la sa anche presentare e offrire agli altri con precisione e professionalità.
    Grazie Francesco per questa possibilità!

X

Hai dimenticato la Password?

Registrati