Composizione, ecco le note che rendono più affascinanti la melodia e l’armonia di un brano (parte 6)

Cosa sono i ritardi

Oggi ci occuperemo di un nuovo importantissimo argomento.
Infatti introdurremo un nuovo tipo di note estranee che ci permetteranno di modificare l’effetto armonico della nostra musica:  i ritardi

 Come si usano i ritardi

  • Perché si chiamano così queste note?
  • Come si comportano nell’ambito della melodia?
  • Quali sono le loro caratteristiche principali?
  • E soprattutto come possiamo, partendo da un unico tipo di ritardo, ottenere tutta una nuova serie di situazioni musicali in modo da ottenere una gran varietà musicale?

A tutte queste domande risponderemo nella lezione di oggi. Ma soprattutto inizieremo a conoscere un nuovo tipo di note da utilizzare per comporre delle melodie sempre più affascinanti.

Buona lezione!

Materiale didattico presente in questa lezione (clicca sopra)

5 video didattici

1. Introduzione alla nuova lezione

2. Che cosa sono i ritardi

3. 4 tipi di ritardi più interessanti

4. Come costruire delle brevi melodie con i ritardi

5. Altri esempi di melodie con i ritardi

+ 1file pdf

40 min

5m 05s

8m 39

10m 35s

5m 48s

10m 22s

... per continuare questa video lezione

L'accesso a questa lezione è riservata agli iscritti al Gruppo Studenti Premium.

Sei già registrato? Fai il login.

Non sei uno studente premium?

Registrati oggi stesso, o fai l'upgrade se sei già un utente free, per accedere a questa e a tutte le altre lezioni del gruppo premium.

Registrati Upgrade Premium

Accedi gratuitamente

Con il profilo free hai accesso immediato a 15 lezioni complete (36 video) di pianoforte, teoria, armonia, solfeggio e composizione.

Registrazione Free Info
Categorie

About the Author:

2 Comments

  1. maxxam

    mi pare di capire, seguendo le lezioni in cui di volta in volta impariamo a conoscere le note estranee, di volta, di passaggio, ritardi, appoggiature, ecc., che alla fin fine sommandole tutte quante, per costruire una melodia, possiamo utilizzare tutte le note della scala e non, reali e non, sui tempi che vogliamo e nel modo che più ci suona bene, lasciando perdere le definizioni da cui le stesse provengono

X

Hai dimenticato la Password?

Registrati