Armonia, impariamo a modulare! (parte 7)

Come usare la cadenza evitata per ottenere delle modulazioni molto suggestive

Quando passiamo da una tonalità ad un’altra, dunque quando moduliamo, possiamo ottenere degli effetti molto delicati attraverso l’uso di particolari cadenze.
Allo stesso modo è però possibile ottenere una modulazione un po’ più forte grazie all’uso di una cadenza particolare:

la cadenza evitata

Oggi ci occuperemo di conoscere a fondo questa cadenza e impareremo a usarla correttamente.

Le modulazioni sono più affascinanti usando i rivolti e gli accordi di settima

Ma introdurremo anche un nuovo importantissimo argomento: l’utilizzo dei rivolti e degli accordi di settima nelle modulazioni.
Applicheremo cioè tutto quello che finora abbiamo imparato non solo agli accordi allo stato fondamentale, ma anche ai rivolti degli accordi.
In questo modo dunque, imparando a mescolare opportunamente accordi allo stato fondamentale e rivolti, le nostre modulazioni avranno un sapore tutto nuovo e ancora più affascinante!

Materiale didattico presente in questa lezione (clicca sopra)

4 video didattici:

1. La cadenza evitata

2. Come utilizzare l’accordo di dominante della nuova tonalità

3. I rivolti e gli accordi di settima nelle modulazioni

4. Un caso molto efficace di uso dei rivolti e della settima di dominante nelle modulazioni

46 min

14m 54s

9m 37s

11m 57s

9m 44s

... per continuare questa video lezione

L'accesso a questa lezione è riservata agli iscritti al Gruppo Studenti Premium.

Sei già registrato? Fai il login.

Non sei uno studente premium?

Registrati oggi stesso, o fai l'upgrade se sei già un utente free, per accedere a questa e a tutte le altre lezioni del gruppo premium.

Registrati Upgrade Premium

Accedi gratuitamente

Con il profilo free hai accesso immediato a 15 lezioni complete (36 video) di pianoforte, teoria, armonia, solfeggio e composizione.

Registrazione Free Info
Categorie

About the Author:

X

Hai dimenticato la Password?

Registrati