Gli accordi nelle tonalità minori, impariamo a costruirli e a utilizzarli in modo efficace (parte prima)

Finora, nelle lezioni di armonia musicale,  abbiamo trattato gli accordi nell’ambito delle tonalità maggiori.

Adesso dobbiamo esplorare anche la tonalità minore, nell’ambito dell’armonia, e, come vedrai, scopriremo un mondo completamente nuovo.

Impareremo infatti a costruire gli accordi al pianoforte utilizzando le scale minori.

Ma il problema che si pone adesso è:

quale scala minore usiamo per costruire gli accordi?

Oggi risponderemo a questa domanda e impareremo a muoverci in questa tonalità, quella minore, che ci offrirà tutta una nuova gamma di possibilità.

Per capire l’importanza dell’argomento che andiamo ad affrontare, voglio dirti che la musica leggera, in particolare quella inglese e americana (oltre alle scale modali, come vedremo in seguito), utilizza molto spesso accordi costruiti nelle tonalità minori.

 

ANTEPRIMA DELLA LEZIONE

 

Dal momento che l’argomento è molto esteso e ho voluto affrontarlo in modo approfondito, la lezione è stata divisa in 2 parti.

Per capire al meglio la lezione di oggi ti consiglio di vedere prima:

Perchè esistono tre tipi di scale minori… (Parte prima)

... per continuare questa video lezione

L'accesso a questa lezione è riservata agli iscritti al Gruppo Studenti Premium.

Sei già registrato? Fai il login.

Non sei uno studente premium?

Registrati oggi stesso, o fai l'upgrade se sei già un utente free, per accedere a questa e a tutte le altre lezioni del gruppo premium.

Registrati Upgrade Premium

Accedi gratuitamente

Con il profilo free hai accesso immediato a 15 lezioni complete (36 video) di pianoforte, teoria, armonia, solfeggio e composizione.

Registrazione Free Info
Summary
Review Date
Reviewed Item
Videolezioni di armonia
Author Rating
41star1star1star1stargray
Categorie

About the Author:

14 Comments

  1. Leo

    Interessantissima questa lezione Francesco e tu preciso e chiaro come sempre! Dalle premesse che hai fatto non vedo l’ora di seguire la prossima lezione! Bravo Francesco!

  2. Dentro la musica

    Ti ringrazio molto! Vedrai che man mano che andremo avanti il mondo dell’armonia sarà sempre più affascinante. Siamo appena all’inizio!

  3. mielezioni

    Vengo ad ogni lezione sempre più rapito dal voler procedere con la prossima. Le tue spiegazioni sono sempre molto efficaci,grazie davvero tanto, un saluto.

  4. amedeo

    Ciao Francesco,
    toglimi alcuni dubbi….
    l’accordo fa# la do lo hai definito accordo di fa#dimuito…..ma potremmo anche aggiungere accordo di fa# minore diminuito mentre fa# la# do accordo maggiore diminuito, è così?
    e poi un’altra cosa: a tutti gli accordi maggiori e minori (diciamo quelli “normali”) dovremmo anche aggiungerci l’aggettivo “giusto” maggiori e minori, sbaglio?

    Scusa se ti faccio sempre domande strane..

  5. Dentro la musica

    Ciao, le tue domande dimostrano grande curiosità e spirito di iniziativa, tutte cose importanti in musica. I nomi degli accordi (maggiore, minore, diminuito) sono dati da delle convenzioni ben precise. Si tratta di definizioni molto chiare: “accordo maggiore” do mi sol: formato da 3a maggiore (do mi) più quinta giusta (do sol) (il fatto che non si chiami anche “giusto” dipende dalla convenzione appunto che hanno deciso quelli che nei secoli scorsi hanno deciso queste definizioni). “Accordo minore” la do mi: formato da 3a minore (la do) più quinta giusta (la mi). “Accordo diminuito” si re fa: formato da 3a minore (si re) più quinta giusta (si fa). Tutti questi accordi sono accordi che si trovano naturalmente per sovrapposizione di terze sui vari gradi delle scale maggiori e minori. utilizzando le note corrispondenti delle scale. Tutti gli altri accordi che non si formano naturalmente utilizzando le note delle scale maggiori e minori sono accordi alterati (ad esempio fa# la# do sarebbe come dire do mi sol bemolle sulla scala di do maggiore dunque la quinta è alterata rispetto al quinto grado naturale di do maggiore; non è un “accordo diminuito” perchè hai una 3a maggiore e non minore). Degli accordi alterati parleremo ampiamente in futuro.

  6. italo9

    Non sarebbe male una delle tue tabelle in pdf con i Gradi maggiori,minori,etc etc

    comunque sei un grande,sto capendo tutto

  7. giampiero morotti

    Ciao Francesco Mi sono scritto tutti gli appunti a penna su dei fogli,anche un po disordinatamente ma sempre in modo chiaro,perche’ tu spieghi non bene…. di piu’ adesso mi riscrivero’ tutto di nuovo per benino in maniera, che non volendo mi ristudio il tutto fissando al meglio nella mente cosi che anche al lavoro in un momento di pausa Mi posso rileggere gli appunti confrontandomi con altri colleghi che suonano la chitarra,ti ringrazio per questo nuovo spaccato di vita musicale , cordiali saluti.

  8. Dentro la musica

    Si è un’ottima idea quella di prendere appunti e poi riguardarseli. Grazie ancora dei complimenti e a presto!

  9. Harmo

    Due tipi di triade per ogni grado della scala minore tranne che alla tonica.
    Utilizzo nella melodia di un misto dei tre tipi di scala minore.
    Grande,grande lezione.Grazie.

  10. Luigi Urru

    Ciao Francesco volevo farti i complimenti per questo corso. Lo trovo davvero strutturato in modo bellissimo e sono molto soddisfatto di seguire questo corso. Volevo farti una domanda a proposito delle scale minori. La mia domanda é;
    Tutti le scale minori vengono prese in relazione alla scala maggiore solamente dal sesto grado della scala maggiore? O possono essere prese in relazione anche su gli altri gradi della scala maggiore?

X

Hai dimenticato la Password?

Registrati